Il dottor Roger Vittoz

ROGER VITTOZ
1863-1925

Il dottor Roger Vittoz

Roger Henry Melling Vittoz è nato il 6 maggio 1863 a Morges, un piccolo paese sulle rive del Lago di Ginevra tra Ginevra e Losanna. Nella sua famiglia e nel suo nativo cantone di Vaud, ha trovato le qualità solide che hanno segnato la sua vita profondamente.Suo padre, David Vittoz, insegnante di storia, era giovane espatriato in Inghilterra. Dopo anni di vita solitaria, aveva sposato un’ amica d’infanzia, Elize,  Marguerite Dutoit, “ammirevole personalità di dolcezza squisita abbinata con grande energia”, secondo il suo figlio il pastore Vittoz . Dopo la nascita del primo figlio, fuggendo le nebbie inglesi che mal sopportava, la giovane coppia tornò in Svizzera a Morges e vi comprò due grandi case circondate da un parco per  ricevervi giovani stranieri. È qui che sono nati i loro quattro figli: due figlie e due figli, tra cui Roger che fu battezzato nella chiesa di Morges, il 9 luglio, 1863.

Egli crebbe così in un ambiente familiare colto e di alta moralità. Studente all’università di Morges, aveva ottenuto il suo diploma di maturità a Losanna. Ben presto, nacque in lui la sua vocazione medico. Studiò presso l’Università di Losanna, proseguendo poi presso la Facoltà di Medicina di Ginevra dove, dopo due anni, nel 1886,conseguì con lode la laurea in medicina.

In questo periodo, dopo aver contratto la scarlattina, era molto stanco. Sappiamo che queste difficoltà personali furono la causa della sua ricerca che lo portò ad elaborare il suo metodo: forgiò su se stesso il metodo, lo testò su stesso prima di fornirlo a beneficio di altri.

Appena ebbe concluso il suo tirocinio, il dottor Vittoz fece pratica per sette anni a La Brévine, dove esercitò liberamente la sua professione. Poi si stabilì nel cantone di Neuchâtel, a Verrières, località vicina al confine con la Francia. In seguito, si interessò alla psicoastenia, patologia di cui era affetta la gran parte della sua clientela di medicina generale. Il successo ottenuto con malati assai gravi lo fece conoscere ben presto oltre i confini della Svizzera., così abbiamo soprannominato “treno Vittoz” rapido che era accaduto a Verrières e Parigi … Nel 1904, prima di questa crescente reputazione,  il medico Combe insistette perchè si stabilisse a Losanna, al fine di ricevere un grande quantità di clientela straniera. Con lettera 8 dicembre dello stesso anno, annunciò  la sua partenza per il comune di Verrières, con grande costernazione di tutti.

Così il medico Vittoz si trasferì a Métabief, villaggio Doubs, vicino al confine, per dare la sua attenzione ad un ufficiale francese che divenne ben presto il suo amico. Una lettera ci dice che faceva “buoni colloqui” con il suo malato per fargli dimenticare le parcelle che gli richiedeva! E ‘stato lì che ha incontrato i suoceri di questo ufficiale, che dovevano diventare i propri attraverso il suo matrimonio con la penultima dei loro dodici figli: Jeanne Lenoncourt. Il matrimonio fu celebrato a Parigi nella chiesa di Saint-Philippe de Roule, il 28 giugno 1905. La giovane coppia presto si stabilì a Losanna, Villa Cimerose viale di tigli, a metà strada sulla Avenue d’Ouchy . Per venti anni, fino alla sua morte, il dottor Vittoz è stato il benvenuto lì, con la sua infinita bontà, ove riceveva una fila ininterrotta di malati “nervosi”, da tutte le parti del mondo.

Nel 1911, affidò alle edizioni Baillière, a Parigi, il manoscritto dove espose i risultati delle sue ricerche. Da quella prima edizione, il trattamento dei psiconevrosi attraverso rieducazione del controllo cerebrale vive e sta ancora vivendo una pratica ininterrotta.

Completamente votato ai suoi pazienti, Vittoz non ha lasciato con la famiglia quel rilassante luogo di lavoro o la piccola casa che aveva acquistato con la moglie in Ain: Il Roussay a Châtillon la Palud. Il suo viaggio più lungo lo portò in Russia, probabilmente nel 1903, per il matrimonio di suo fratello (prima di tornare in Svizzera)pastore della Chiesa riformata francese di San Pietroburgo, sostituendo il suo padre-di origine ginevrina, la cui famiglia aveva vissuto in Russia per tre generazioni. Sappiamo che il dottor Vittoz ha approfittato di questa visita al fratello per prendersi cura di un importante personaggio alla corte russa.

Vittoz divenne molto celebre, ma questo non lo fece insuperbire nel ruolo che poteva avere di persona di successo. Con la stessa semplicità, ha ricevuto ricchi e poveri: attento alla sofferenza, sempre disponibile. Non ha “fatto fortuna” e questo dimostra il suo disinteresse per il denaro. Al limite delle sue forza, ha vissuto per i suoi pazienti.

Esattamente un anno prima della sua morte, egli sapeva la gravità della sua malattia, che ben presto venne confermata dai primi sintomi del cancro che lo portò alla morte. “Ho fatto tutto con accettazione e questo mi ha aiutato molto.”

Per la sua serenità inalterabile in questa grande sofferenza, il dottor Vittoz era la”prova” della profonda verità personale del suo insegnamento che è stato il suo ultimo regalo all’umanità.

Così come aveva vissuto, mantenendo la sua lucidità sino alla fine, come aveva desiderato, dagrande cristiano, è morto nella sua casa di Losanna, la mattina di Venerdì 10 aprile 1925. Il suo funerali sono stati celebrati tre giorni dopo nella Chiesa della Croce di Ouchy.

Pasqua 1976
S.B.

(Visitato 19 volte, 1 visite oggi)