Che cos’è il Metodo Vittoz ® ?

Fino all’aprile del 2004 non sapevo chi fosse Roger Vittoz ed il suo Metodo.Mi spiace solo di aver atteso tanto tempo prima di conoscerlo.

Quanto tempo ho perduto!

Di quali strumenti essenziali e semplici mi sono privato, allo stesso tempo per conoscermi e trasformare in profondità la mia maniera d’essere in relazione al mondo, agli altri, a me stesso, per una vita più vera e felice!

Attraverso questo sito voglio presentare il metodo del Dottor Roger Vittoz ( in breve “Il Metodo Vittoz”) mediante la mia esperienza ed avvalendomi delle citazioni delle poche, ma entusiaste persone che lo hanno avuto come maestro o come praticanti (“praticien”).

Inizio con le parole di G. Laurent-Kaeppelin (Qu’est que la méthode Vittoz? Un art de vivre. Téqui, Parigi, 1983):

Il metodo Vittoz è un’ « esperienza ».
Esso non si spiega. Si vive.

Come, in effetti, sarebbe possibile racchiudere i movimenti complessi della vita negli stretti limiti della teoria?
Entrare nei dettagli di applicazione della tecnica, con tutte le sfumature che essa comporta, richiederebbe un lungo lavoro.
Ci prenderemo cura allora di esporre gli aspetti fondamentali.
L’autore del metodo, il dottor Roger Vittoz, di Losanna, ha consacrato la gran parte della sua vita ai malati nervosi.
E questo fino alla sua morte nel 1925.
Dopo aver innanzitutto praticato l’ipnosi, molto in voga alla fine del XIX° secolo, grazie ai lavori di Charcot e di Bernheim, egli l’abbandona presto, perché questa tecnica, secondo il suo parere, « non agisce che sul subcosciente ed ha il grande inconveniente di rendere il malato più passivo »D’altra parte, i risultati sono effimeri. ( Dottor Roger Vittoz, Traitement des psychonévroses par la rééducation du contrôle cérébral)
Proprio nel momento in cui il genio di Freud si appresta all’esplorazione dell’incoscio e all’analisi dei nostri comportamenti, il dottor Vittoz, scopre una psicoterapia fondata sullo sviluppo del conscio e della predominanza sull’inconscio: « Padronanza del cervello conscio sul cervello inconscio ».

Il metodo Vittoz si presenta come: una tecnica di rieducazione del controllo cerebrale; una tecnica della padronanza di se.
Ora, il metodo Vitoz porta non solo alla presa di possesso di se per se stessi, ma anche alla scoperta di poter agire da se su se stessi.
In tal modo veniamo a conoscenza che possiamo controllare le nostre sensazioni, i nostri sentimenti, le nostre idee, i nostri atti.
L’apporto più importante del metodo Vittoz è di fornire all’uomo i mezzi tecnici perfettamente semplici per « l’apprendimento dell’utilizzo del proprio cervello », assicurandogli anche la padronanza progressiva del suo corpo e del suo spirito.
E’ un’esperienza vitale, una ricreazione di se per se stessi, una marcia verso la libertà …
E’ spesso indicato come una « psicoterapia di sintesi e di ricostruzione ». Definizione completamente adeguata.
Insistiamo su questo carattere specifico e fondamentale del metodo Vittoz, in quanto è spesso presentato come facente parte delle numerose tecniche di rilassamento.
Quest’errore largamente diffuso rivela una conoscenza assai superficiale del metodo ed una incomprensione della sua specificità.
Poiché, se anche per mezzo del metodo Vittoz si realizza, in effetti, la distensione, il riposo, la calma interiore, questa tecnica porta ben più lontano di questo risultato.
Dopo questa presentazione, nei prossimi post, andrò ad esaminare e presentare più a fondo le caratteristiche e i pregi di questo metodo.

(Visitato 41 volte, 1 visite oggi)